The Private Collection of Edgar Degas: A Summary Catalogue by Colta Feller Ives, Susan Alyson Stein, Julie A. Steiner,

By Colta Feller Ives, Susan Alyson Stein, Julie A. Steiner, Metropolitan Museum of Art

Whilst French Impressionist artist Edgar Degas died in 1917, his immense inner most choice of over 5,000 work and prints got here to mild, containing works through Manet, Cezanne, Gauguin, van Gogh, and Cassatt. the gathering is reconstructed the following for the 1st time during this soaking up ebook, in addition to eleven essays approximately Degas and his occasions. 250 illustrations, two hundred in complete colour.

Show description

Read Online or Download The Private Collection of Edgar Degas: A Summary Catalogue PDF

Best individual artists books

Claude Monet - The Magician of Colour

Monet was once a real magician of sunshine and of color. but it isn't in simple terms his portray that fascinates us, but in addition the fascinating lifestyles he led along with his kinfolk and plenty of associates. This publication tells the story of an strange artist and his photographs. this is often one e-book within the sequence "Adventures in paintings" that is aimed toward the younger and the younger at center.

Extra info for The Private Collection of Edgar Degas: A Summary Catalogue

Sample text

E non aggiunga altro. E allora lui capisce che anche in lei c’è stato del desiderio, dell’impeto. E allora lui capisce che vedeva, vedeva eccome sua madre quando stava lì, attorniata dai bambini piccoli, tra secchi di pannolini fumanti da lavare. Vedeva quello che avrebbe potuto avere se solo fosse riuscita a far arrivare la sua voce su un palcoscenico. A guardare avanti, un pubblico. Invece che per terra, lo sporco. A guardare avanti, semplicemente. Per questo Klimt ogni tanto si offre di accompagnarla.

La madre dev’essere uscita presto, anche stamane. �Oh Byzantine, adorata, smettila... », ride Eugenie. ). », ride. ». (slap, slap, slap). ». �La mia Byz, la mia Byz... ». Anche se il lavoro non è certo leggero, a Eugenie piacciono le sue ore al caffè, ed è sempre di buon umore quando si sveglia. Pensa che in fondo sarebbe potuto andare molto peggio a una ragazza come lei, senza un padre conosciuto a lasciarle un cognome di famiglia. Le piace, le è sempre piaciuto, da quando bambina trascorreva già lì molto tempo attaccata alle gonnellone della zia che la teneva con sé mentre la madre di Eugenie era al lavoro.

Guarda lui a distanza. «Mi senti, Gustav? Dico a te», sussurra. ». Porta i capelli ricci divisi in due con una riga precisa al centro, Emilie, e spesso li ferma ai lati della fronte con dei pettinini di legno in modo che aderiscano al capo, per poi allargarsi in libertà intorno al viso e al collo. Lì seduta sul sasso, mentre parla a lui che non la può sentire, con le dita di una mano si arrotola i ricci di una ciocca scivolata fuori dall’acconciatura. Ha un viso sereno, Emilie, a guardarla così.

Download PDF sample

Rated 4.09 of 5 – based on 18 votes